Francesco De Sanctis, Un viaggio elettorale, Avagliano Editore, 2003

 N
a
r
r
a
t
i
v
a
copertinaNel gennaio del 1875 De Sanctis, che ha giÓ ricoperto la carica di ministro della pubblica istruzione nei governi Cavour e Ricasoli, intraprende un viaggio nell'Alta Irpinia, sollecitato dalla necessitÓ di un ballottaggio elettorale. 

Accompagnato da un clima inclemente, attraverso strade tortuose e melmose, De Sanctis raggiunge paesi per lo pi¨ piccoli, abbarbicati sulla montagna, che rappresentano i luoghi della sua infanzia e prima giovinezza e a cui si sente legato da teneri ricordi. 
Qui incontra elettori, notabili di provincia, preti, teologi, vescovi, sindaci, legulei, proprietari terrieri, faccendieri ed amministratori. Si misura con i problemi e le contraddizioni della provincia meridionale e con i mali atavici della societÓ e della politica italiana, dove la cura del "particulare" guicciardiniano e il trasformismo hanno la meglio sull'interesse generale. Un quadro molto simile, del resto, a quello dell'Italia odierna, dove gli interessi di bottega spesso hanno la meglio su tutto il resto.

Il candidato De Sanctis, che si definisce "il deputato di tutti", che per il bene del Paese predica l'onestÓ, la responsabilitÓ e la concordia contro gli interessi di parte, deve misurarsi invece con ostilitÓ, astuzie e meschinitÓ di ogni tipo, che tendono a mantenere nell'immobilismo e nell'arretratezza la societÓ meridionale.

Il Meridione, allora come oggi, coltiva spinte antiunitarie e sfiducia nello Stato centrale; soprattutto si oppone con forza al processo di modernizzazione auspicato da De Sanctis.

Un viaggio elettorale fu pubblicato a puntate, in appendice alla "Gazzetta di Torino" nel 1875 e stampato in volume l'anno dopo. Appartiene agli ultimi scritti del letterato di Morra Irpino.

Racconto autobiografico, il Viaggio permette al lettore di accompagnare lo scrittore nel suo percorso, di vivere fatiche, affanni, dubbi, intrighi che contraddistinguono la vita di un candidato. Soprattutto il lettore ha un accesso privilegiato ad una coscienza umana, politica e artistica ammirevole ed elevata.

La scrittura di De Sanctis Ŕ, in questo racconto autobiografico, particolarmente gradevole. Influenzata dalla lezione di Sterne e di Heine, risulta pervasa di ironia e di umorismo e con una piacevole tendenza alla reverie
Il linguaggio Ŕ innovativo: realistico, chiaro, preciso, efficace, di taglio quasi giornalistico, con la tendenza, in taluni passi, a riprodurre il parlato.

Luminosamente esplicativo il saggio critico introduttivo di Toni Iermano.

ordina

I libri di Francesco De Sanctis

 | home |

| recensioni |


Pagina aggiornata il 10.01.08
Copyright 2000-2008 Valentino Sossella